1978
IAAD apre la prima specializzazione italiana post diploma in “Architettura della carrozzeria”, oggi “Transportation design”. Dal 2008 il dipartimento di “Transportation design” è intitolato ad Andrea Pininfarina.

2000
IAAD rinnova la gestione. Il nuovo Direttore, Laura Milani, lo reimposta e sviluppa, attivando collaborazioni con aziende, associazioni e amministrazioni pubbliche per lo sviluppo di progetti culturali, di ricerca, didattici e stage, con la ferma intenzione di garantire una formazione costantemente aggiornata e qualitativamente di alto livello. L’obiettivo è l’accreditamento universitario all’interno di un sistema nazionale e internazionale.

2005
La didattica apre alla dimensione europea e internazionale, ottenendo l’accreditamento EABHES – European Accreditation Board of Higher Education Schools, che consente a IAAD di attivare corsi per il conseguimento dei titoli di European Bachelor and Master of Science in Design. I titoli di Bachelor e Master dello IAAD sono conformi al sistema di crediti universitari europei ECTS – European Credits Transfer System.

2008
Nell’anno in cui Torino è la prima Capitale Mondiale del Design, IAAD compie 30 anni e festeggia insieme a Italdesign Giugiaro, che nello stesso anno compie 40 anni. Da questa fortunata combinazione nasce un progetto, realizzato congiuntamente da IAAD e Giugiaro e donato alla città di Torino, un percorso di scoperta della Torino contemporanea attraverso la progettazione e opportuna collocazione di 35 nuove sedute pubbliche.

2010
IAAD, in collaborazione con ISIA Firenze e grazie ad un nutrito comitato di sostegno composto da enti pubblici torinesi e piemontesi, scuole superiori, associazioni nazionali dell’industria e dell’artigianato e aziende partner nazionali e internazionali, attiva il primo Corso italiano di Diploma Accademico di I° livello in “Design della mobilità sostenibile e dei mezzi di trasporto” (valore 180 crediti CFA).

2012
IAAD sigla un’importante partnership strategica con il gruppo francese Écoles de Condé, con sedi a Parigi, Nizza, Lione, Nancy e Bordeaux. I corsi in Italia e in Francia si sommano e aprono agli studenti di entrambe le realtà: nasce così un’ampia offerta formativa coerente con le specificità dei rispettivi territori, con workshop trasversali e la possibilità di proseguire gli studi in sedi differenti.

2013
I trienni post diploma IAAD sono ufficialmente accreditati dal Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca in qualità di Diplomi Accademici di I livello (180 CFA) con 5 possibili specializzazioni: Product design, Interior design, Textile and fashion design, Transportation Design, Communication Design. L’anno accademico 2013-2014 inizia nella nuova sede, nel quartiere Aurora, all’interno del nuovo quartier generale Lavazza, con 3.000 mq a disposizione per la didattica, le esposizioni, le conferenze e gli eventi. I lavori di rigenerazione e restauro della sede sono curati dall’Architetto Cino Zucchi con lo studio torinese Picco Architetti. Gli interni, sono progettati dagli studenti e arredati da Poltrona Frau, Lago e L’Abbate Italia.

2014
IAAD attiva la prima edizione del Corso di Diploma Accademico di I livello in “Textile and fashion design” (valore 180 crediti CFA). Il corso risponde alla richiesta del mercato internazionale di professionisti preparati a interfacciarsi con le molteplici sfaccettature del fashion market.

2015
IAAD attiva la prima edizione del Corso di Diploma Accademico di I livello in “Digital communication design” (valore 180 crediti CFA) e lo presenta ufficialmente agli MTV Digital Days. Il principale obiettivo del corso è di formare figure professionali in grado di dialogare con il pubblico attraverso i media digitali e la computer science: piattaforme web, mobile application, sistemi multimediali, giochi e applicazioni interattive, digital signage, realtà virtuale e aumentata, ontologie semantiche, entertainment.

2016
Giorgetto Giugiaro aggiunge un nuovo incarico al suo spettacolare curriculum. IAAD gli affida la presidenza del dipartimento di Transportation Design e alla conferenza stampa di annuncio, al MAUTO accorrono a festeggiarlo in tanti del mondo delle quattro ruote, da Lorenzo Ramaciotti a Chris Bangle, e una delegazione nutrita della sua amata Italdesign. Il benvenuto glielo dà il sindaco Piero Fassino, che con altri sta provando a proporre Torino come nuova fucina del design, e non solo automobilistico.