1978
IAAD apre la prima specializzazione italiana post diploma in “Architettura della carrozzeria”, oggi “Transportation design”.
Il Dipartimento di Transportation design è il fiore all’occhiello della scuola, grazie a partnership internazionali quali ad esempio Volkswagen, Porsche, Lamborghini, Land Rover, Jaguar, Renault, Nissan, Suzuki, Gruppo FCA, Yamaha, Ducati e Piaggio.

2000
IAAD rinnova la gestione. Il nuovo Direttore, Laura Milani, lo reimposta e sviluppa, attivando collaborazioni con aziende, associazioni e amministrazioni pubbliche, oltre a progetti culturali, di ricerca, didattici e stage, con il fine di garantire una formazione costantemente aggiornata e qualitativamente sempre di alto livello.
L’obiettivo è l’accreditamento accademico all’interno del sistema nazionale e internazionale.

2005
La didattica apre alla dimensione europea e internazionale con l’accreditamento EABHES – European Accreditation Board of Higher Education Schools, che consente il conseguimento dei titoli di European Bachelor and Master of Science in Design conformi al sistema di crediti universitari ECTS – European Credit Transfer System.

2008
Nell’anno in cui Torino è la prima Capitale Mondiale del Design, IAAD compie 30 anni e festeggia insieme a Italdesign Giugiaro, che nello stesso anno compie 40 anni.
Da questa fortunata combinazione nasce un progetto realizzato congiuntamente da IAAD e Giugiaro, poi donato alla città di Torino.

2010
IAAD – in collaborazione con ISIA Firenze e grazie a un nutrito comitato di sostegno composto da enti pubblici torinesi e piemontesi, scuole superiori, associazioni nazionali dell’industria e dell’artigianato e aziende partner nazionali e internazionali – attiva il primo Corso italiano di Diploma Accademico di I Livello in “Design della mobilità sostenibile e dei mezzi di trasporto” (valore 180 CFA).

2012
IAAD sigla un’importante partnership strategica con il gruppo francese AD Education, con sedi a Parigi, Nizza, Lione, Nancy e Bordeaux.
I corsi in Italia e in Francia si sommano e aprono agli studenti di entrambe le realtà: nasce così un’ampia offerta formativa coerente con le specificità dei rispettivi territori, con workshop trasversali e la possibilità di proseguire gli studi in sedi differenti.

2013
I trienni post diploma IAAD sono ufficialmente accreditati dal Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca in qualità di Diplomi Accademici di I Livello (180 CFA). L’anno accademico 2013-2014 si apre tra le mura della nuova sede, nel quartiere Aurora, all’interno del nuovo quartier generale Lavazza, con una superficie di 3.000 mq a disposizione per didattica, esposizioni, conferenze ed eventi.
I lavori di rigenerazione e restauro della sede sono curati dall’Architetto Cino Zucchi con lo studio torinese Picco Architetti. Gli interni sono progettati dagli studenti e arredati da Poltrona Frau, Lago e L’Abbate Italia.

2014
IAAD attiva la prima edizione del Corso di Diploma Accademico di I Livello in “Textile & Fashion design” (180 CFA).
Il corso risponde alla richiesta del mercato internazionale di professionisti preparati a interfacciarsi con le molteplici sfaccettature del fashion market.

2015
IAAD attiva la prima edizione del Corso di Diploma Accademico di I Livello in “Digital Communication design” (180 CFA) e lo presenta ufficialmente agli MTV Digital Days. Il principale obiettivo del corso è di formare professionisti in grado di dialogare con il pubblico attraverso i media digitali e la computer science: piattaforme web, mobile application, sistemi multimediali, giochi e applicazioni interattive, digital signage, realtà virtuale e aumentata, ontologie semantiche e entertainment.

2016
Giorgetto Giugiaro aggiunge un nuovo incarico al suo spettacolare curriculum. IAAD gli affida la Presidenza del Dipartimento di “Transportation design”.
Il car designer del secolo dedica così uno spazio alla scuola, per continuare il dialogo con il mondo della cultura e con i suoi attori attenti al futuro e ai continui cambiamenti.

2017
IAAD sceglie Bologna, una città dalla grande identità storica e dal grande fermento culturale, universitario e sociale per confermare uno sviluppo in linea con la trasformazione del territorio.
I corsi attivati a partire dall’anno accademico 2017-2018  hanno un comune denominatore: il connubio fra cultura del design e specificità del territorio, strategia che ha permesso a IAAD di crescere in maniera significativa a partire dalla sede torinese.

2018
IAAD compie 40 anni e completa la squadra dei Presidenti di Dipartimento con altri nomi eccellenti del design italiano e internazionale.
Oltre a Giorgetto Giugiaro, Presidente del Dipartimento di “Transportation design”, si aggiungono lo stilista Romeo Gigli per il Dipartimento di “Textile & Fashion design”,  Aldo Cibic per il Dipartimento di “Interior design”, Stefano Giovannoni per quello di “Product design” ed Emanuele Saffirio per il Dipartimento di “Communication design”.
Il 2018 sigla inoltre la nascita del nuovo Dipartimento di “Innovation design”, capitanato dal Presidente Geoff Mulgan, CEO di Nesta UK, dal Direttore Strategico Gianpaolo Barozzi, Sr Director HR & Talent Management di Cisco, dal Coordinatore del Corso di Laurea Marco Zappalorto, CEO di Nesta Italia e dal Coordinatore del Master in “Innovation design”, Guido Meak, CEO e Founder di Nembol.

2019
Prende ufficialmente il via il Corso di Diploma Accademico di I Livello in “Social Innovation design”, coordinato dal CEO di Nesta Italia, Marco Zappalorto.

2020
La sede di IAAD Bologna raddoppia i suoi spazi, passando da 1000 a oltre 2000 mq, per rispondere alle necessità dettate dalla crescita costante del suo corpo studenti e per innovare gli spazi dedicati alla didattica.
Da maggio Aldo Cibic passa il testimone di Presidente del Dipartimento di “Interior design” a Paola Navone, architetto, art director e interior designer di fama mondiale.
Contestualmente con l’inizio del nuovo anno accademico, IAAD assume una nuova Direzione manageriale, che supportata dal gruppo AD Education, intende ampliare la crescita di IAAD a livello internazionale, mantenendone i valori che l’hanno portata a diventare una delle migliori scuole di design in Italia.