Communication and Graphic Design – 2009
Art Director in Saatchi & Saatchi, Milano e Sneaker Designer

Ho sempre saputo di essere un ragazzo ambizioso, così come ho sempre saputo che avrei fatto un lavoro creativo: col tempo ho solo capito che quel lavoro sarebbe stato il pubblicitario. Così, forte delle mie consapevolezze, vinco la borsa di studio del 100% allo IAAD e, subito dopo essermi laureato, attiro le attenzioni del vice direttore creativo in Saatchi & Saatchi Milano. Giusto il tempo di godermi le vacanze estive e mi ritrovo ad essere Art director in una delle agenzie multinazionali più importanti al Mondo. Passa poco tempo e capisco quanto sia importante trovare concetti forti per realizzare campagne pubblicitarie integrate a 360° e, nel 2011, grazie al sostegno di un grande team, vinco un oro e un argento all’Art Directors Club Italiano.
Parallelamente, sfogo la mia creatività in qualsiasi campo, arrivando nel 2014 a disegnare sneakers. Ma tutto ciò non mi basta, voglio qualcosa di concreto, qualcosa cui poter girare attorno, qualcosa che si possa toccare.
Nel 2015 studio il processo di creazione di una scarpa, dal pattern making alla lavorazione della pelle fino ad ottenere prototipi reali di ciò che fino a poco tempo prima disegnavo solamente.
Non sono un tipo che si accontenta facilmente e so che sicuramente non mi fermerò a queste esperienze, d’altronde, come diceva Notorious B.I.G, “Sky’s the limit and you know that you can have what you want. Be what you want.”

L’esperienza allo IAAD è stata una grande fonte di stimoli nonché il primo approccio alla forte competitività tra colleghi presente in ogni mestiere creativo. La voglia di mettersi in mostra e di imporsi fin da subito mi hanno spinto a dare sempre il massimo, aiutandomi a concretizzare le mie ambizioni. Ma la cosa più importante che mi ha insegnato lo IAAD è che una scuola da sola non è niente, senza passione e voglia di fare.