IAAD presents Top Students for the academic year 2017-2018

Ida Ammaturo
Diploma di laurea in “Textile & Fashion design”

La tesi individuale di Ida nasce dalla collaborazione con il fashion brand Sartorial Monk e prevede la creazione di una collezione di abiti e accessori che rimanda al folclore e al territorio pugliesi, riprendendone elementi sia passati che presenti e rielaborandoli in un’ottica nuova ma comunque rispettosa della loro storia. Le stampe realizzate a mano con la fibra interna dei cladodi del fico d’India imprimono sui capi l’anima della pianta ormai essiccata, rendendola permanente.

 

 

Elena Bianco
Diploma di laurea in “Product design”

La tesi individuale di Elena nasce dalla collaborazione con il Centro Libenter, associazione che si occupa di disturbi alimentari. Il progetto Àncore si basa sull’idea di “Design inclusivo”, il cui fine è riuscire a comprendere meglio le emozioni contrastanti e poco definite dei pazienti durante il loro percorso di terapia. Il progetto consiste in una stimolazione sensoriale, integrando, in un setting psicologico, degli strumenti il cui utilizzo sarà totalmente dettato dalla spontaneità. L’obiettivo è quello di mettere i pazienti a proprio agio, non imponendo loro alcuna azione e soprattutto con l’idea di renderli collaborativi e partecipi, anche se spesso inconsciamente. Àncore è un’esperienza sensoriale che costringe positivamente la nostra mente a tirar fuori ciò che non sappiamo o che non abbiamo il coraggio di esternare.

 

 

Francesca Braschi
Diploma di laurea in “Textile & Fashion design”

La tesi individuale di Francesca nasce dalla collaborazione con il lanificio Vitale Barberis Canonico. Il progetto consiste nello studio della nuova collezione “Timeless” che verrà presentata in occasione del Salone Italiano del Tessile “Milano Unica” e nel conseguente sviluppo e progettazione dell’identità visiva applicata, delle declinazioni grafiche e di comunicazione relative al prodotto e dello stand fieristico. La collezione prende le mosse dal cinema del Novecento, più in particolare da sei attori e celebri personaggi del panorama internazionale: Cary Grant, Vittorio De Sica, Michael Caine, Alain Delon, Toshiro Mifune e Buster Keaton.

 

 

Ludovico Botalla
Diploma di laurea in “Product design”

La tesi individuale di Ludovico nasce dalla collaborazione con il collettivo di designer MarameoLab. “Ta-da!” è un kit di pezzi che aiutano il bambino a scoprire man mano il metodo progettuale. Il kit, contenente diversi pezzi, funge da supporto nei momento di creatività del bambino, aiutandolo a realizzare diverse composizioni – o meglio progetti – attraverso elementi reperibili in casa, come bottiglie, cannucce, cartone, matite, ecc. Il progetto prevede inoltre un manuale specifico che funge da guida in cui si spiegano le diverse funzioni dei pezzi, aiutando a familiarizzare con le dinamiche del gioco.

 

 

Carlotta Carosso
Diploma di laurea in “Textile & Fashion design”

La tesi individuale di Carola nasce dalla collaborazione con lo studio creativo torinese Nerodiseppia. Il progetto “Realtà utopiche“ si propone di effettuare uno studio relativo ai possibili gradi di astrazione di una figura geometrica. In particolare è stata analizzata la modalità attraverso cui è possibile raffigurare la tridimensionalità sul piano bidimensionale. “Realtà utopiche“ rappresenta l’unione tra realtà e fantasia, e concepisce lo spazio oltre il campo dell’esperienza percettiva, arrivando perciò alla creazione di immagini appartenenti a mondi fantastici. L’obiettivo finale prevede la realizzazione di una serie di 24 stampe su tessuti differenti, due delle quali sono state impiegate per la realizzazione finale di capi di abbigliamento.

 

 

Giorgia Festi
Diploma di laurea in “Textile & Fashion design”

La tesi individuale di Giorgia nasce dalla collaborazione con il magazine ELLE Italia. Il progetto di tesi si propone di realizzare un servizio fotografico che ha l’obiettivo di enfatizzare il carattere segnico degli abiti, ossia la loro capacità di trasmettere significati e di suscitare emozioni in quanto segni. Il presupposto teorico su cui esso si fonda è il carattere della moda come fenomeno comunicativo sociale: il lavoro si alimenta quindi degli studi e delle acquisizioni teoriche di Roland Barthes e di Algirdas Greimas, sviluppando anche il ruolo che la moda assume all’interno della società, in particolare attraverso l’opera di Erving Goffman e alla sua raffigurazione della vita quotidiana come rappresentazione.

 

 

Martina Fonio
Diploma di laurea in “Textile & Fashion design”

La tesi individuale di Martina nasce dalla collaborazione con il calzaturificio La Marchigiana. Il progetto è dedicato allo studio dei materiali innovativi, ottenuti da scarti alimentari, funghi o fermentazione di zucchero, e alla possibilità di inserirli nel mondo della moda come possibile alternativa alla pelle animale. Per lo studio sono stati individuati tre di questi materiali innovativi: MuSkin, OrangeBi e Macroteria, sui quali sono state effettuate prove di reazione a cucitura a mano e a macchina, calore, acqua, trazione, taglio laser e incollaggio.

 

 

Elisa Garino
Diploma di laurea in “Textile & Fashion design”

La tesi individuale di Elisa nasce dalla collaborazione con l’Università degli Studi di Torino e prevede l’ideazione di un primo design della User Interface e della User Experience di TANDANS, piattaforma digitale pensata per sostenere designer, artigiani e artisti nell’analisi delle tendenze, supportando inoltre il co-working tra gli stessi. Il progetto ambisce alla creazione di un cyber collaboratore (CYA) orientato al trend analysis semantico, con lo scopo di supportare l’innovazione e la competitività delle piccole e medie imprese. 

 

 

Ada Garombo
Diploma di laurea in “Interior design”

La tesi di Ada nasce dalla collaborazione con l’Azienda Agricola Malabaila di Canale e prevede la creazione di un Bed&Breakfast all’interno degli spazi dell’Azienda. Un luogo in cui poter sostare per assistere al lavoro che avviene nella cantina e che porta alla creazione di un prodotto nobile e prezioso quanto il vino. Una sala degustazione e una zona espositiva permettono inoltre ai turisti di passaggio di poter assaporare ed acquistare i vini della cantina Malabaila. Un’accurata ricerca di materiali permette agli ospiti della struttura di alloggiare in ambienti dal carattere unico e originale. Un’unione fra tradizione ed innovazione che permette di vivere esperienze senza tempo, tornando ad essere a stretto contatto con la terra e la natura.

 

 

Federico Girotto
Diploma di laurea in “Digital Communication design”

La tesi individuale di Federico nasce dalla collaborazione con Worldrise Onlus, associazione che agisce partendo dall’educazione dei giovani per risolvere il problema dell’inquinamento da plastica in mare. Il progetto prevede un’analisi approfondita dell’associazione e la creazione di una strategia di comunicazione digitale che possa aumentare l’awareness di Worldrise, oltre a favorire le donazioni e l’ampliamento del progetto stesso.

 

 

Valeria Marchisio
Diploma di laurea in “Textile & Fashion design”

La tesi individuale di Valeria nasce dalla collaborazione con il fashion brand MAATROOM e prevede la creazione di una capsule collection capace di riassumere la relazione tra uomo e il mondo contemporaneo che lo circonda. La collezione ha come obiettivo il soddisfare la necessità dell’essere umano odierno, e della donna in particolare, di avere ciò che gli è utile a portata di mano. Nasce così AUR(e)A, collezione composta da dieci capi che acquistano, attraverso la stratificazione di tasche e l’alternarsi di simmetrie e asimmetrie, la stessa funzione di una borsa ma dialogano in modo più intimo con il corpo.

 

 

Mihajlo Mitrović
Diploma di laurea in “Transportation design”

La tesi individuale di Mihajlo nasce dalla collaborazione con Briggs Automotive Company (BAC), una giovane azienda automobilistica britannica che ha portato l’innovazione nel mondo delle automobili con la sua Mono, portando l’esperienza di guidare un veicolo di Formula 3 ai propri clienti. Il progetto prevede la creazione della BAC Mono VR, vettura che combina le filosofie tradizionali legate all’unità dell’uomo e della macchina con le moderne tecnologie per garantire la migliore esperienza di guida. Il guidatore è completamente racchiuso all’interno di una cabina senza alcun contatto visivo con l’ambiente, comunicando in tempo reale tramite una serie di telecamere e un casco/cuffia VR collegati tra loro.

 

 

Luana Rosi
Diploma di laurea in “Digital Communication design”

La tesi individuale di Luana nasce dalla collaborazione con ElecTo Mag, giornale online promosso dall’associazione ElecTo. Il progetto prevede la realizzazione di un piano di Search Engine Marketing (SEO) e studio di una Content Strategy per la promozione del portale online al fine di emergere nel quadro competitivo dell’informazione online.

 

Elena Sedici
Diploma di laurea in “Digital Communication design”

La tesi di Elena nasce dalla collaborazione con Tiny Bull Studios, azienda torinese che si occupa dello sviluppo di videogame. “Blind” è un thriller psicologico per realtà virtuale la cui protagonista è una ragazza cieca che si muove in un ambiente sconosciuto, avendo solamente a disposizione il suono degli oggetti per orientarsi. Il progetto prevede la gestione della parte finale del processo produttivo dedicata alla valutazione della bontà del risultato dei foley progettati e implementati dal sound designer. Il ruolo del tester, molte volte sottovalutato e dimenticato, è molto importante all’interno di un’azienda di videogame, permettendo di segnalare e correggere la maggior parte dei bug migliorando l’esperienza di gioco.

 

Aurora Versio
Diploma di laurea in “Interior design”

La tesi di Aurora nasce dalla collaborazione con Vass Technologies, azienda specializzata nella realizzazione di case prefabbricate in legno. Il progetto DIMORA nasce per rispondere all’imminente esigenza di trovare una casa in situazioni di grave emergenza abitativa. Il titolo ha origine da un gioco di parole tra la sensazione di comfort, la sicurezza e l’esigenza di provvedere tempestivamente ad una casa che possa accogliere coloro che si trovano in circostanze di grave di emergenza.

 

Edoardo Vetere
Diploma di laurea in “Digital Communication design”

La tesi individuale di Edoardo nasce dalla collaborazione con Case Construction, brand globale del gruppo CNH Industrial dedicato alla costruzione di macchine movimento terra. Il progetto prevede la creazione di una campagna digitale per incrementare l’awareness sul mercato europeo e comunicare i mezzi per tipo di applicazione. La strategia di comunicazione si basa sull’incremento di awareness tramite l’engagement del target “operatori” e sull’advocacy di questi, supportata dalla costruzione di una community on ed offline.